About us

 

 (scroll down for english)

IT | La storia romantica: 

Facciamo qualche passo indietro, correva l’anno 2015. La costa di Zanzibar.
Le calde acque dell’Oceano Indiano. Yanni insegnava kitesurfing.

“Ogni giorno camminavo dalla spiaggia al mercato locale, per pranzare. Durante il tragitto mi imbattevo sempre in una gentile signora anziana che aveva in mano un cesto pieno di verdure e riso. Inizialmente, non sapendo che il servizio fosse escluso di piatto e posate, mi facevo servire il cibo direttamente nel palmo della mano. Un giorno, però, durante il cammino di ritorno verso la spiaggia, notai che le persone del posto portavano con sé dei gusci di cocco da usare come recipienti. Un’idea semplice, ma allo stesso tempo intelligente ed ecosostenibile.”

Siete curiosi di sapere cosa fece Yanni?
Si arrampicò su una palma, prese un frutto, lo pulí e VOILA, la prima coconut bowl di Yanni prese vita.

“A causa del nostro stile di vita estremamente attivo, insieme ai miei compagni, siamo soliti percorrere sentieri poco battuti per andare alla ricerca delle migliori destinazioni di tutto il mondo in cui praticare kitesurf. E’ così che mi sono accorto delle tonnellate di gusci di cocco buttate via come immondizia dopo essere stati privati dell’acqua e/o della polpa. Ed è così che ho iniziato a pensare a quanto il nostro pianeta avrebbe potuto beneficiare dall’abbandono dell’utilizzo di prodotti non ecosostenibili, specialmente quelli monouso in plastica, in favore di contenitori naturali facilmente riciclabili.”

Qui entra in scena Carlo. Italiano. Amico d’infanzia di Yanni. Amante della natura e del pianeta Terra.

La passione per Madre Natura ha portato Carlo a condurre uno stile di vita sano ed ecosostenibile. Lavorando nel settore alimentare ha notato quanto sia sempre più grande il problema degli sprechi e dei rifiuti industriali da esso prodotti.

“Sono innamorato di Madre Natura e non posso più accettare di guardare questo scempio senza fare nulla. Le piccole azioni possono portare a grandi cambiamenti per tutti noi e per chi verrà dopo.”

Le noci di cocco sono molto resistenti, impermeabili e possono rimanere intatte per moltissimi anni. Iniziate a notare delle coincidenze?

Questa è la storia di come due esperienze e riflessioni diverse ma allo stesso tempo simili, si siano unite per portare alla nascita di una comune missione: salvare le vite dei cocchi!

                                                                              ***

EN | The romantic story:

Lets take you back to 2015. The Zanzibar coastline. The warm Indian Ocean. Yanni was teaching kitesurfing.


“My path took me from the beach to the local market for lunch, and every day I would meet an old and kind woman who carried a big bucket of veggies and rice. At first, I was not aware that I needed to bring my own plate, so I was served food in the palm of my hand that day. On my way back to teach, I noticed that the local people were bringing coconut shells with them. So simple, so sustainable and so clever.”

So what did he do? He climbed a palm tree, cut the fruit, cleaned it and VOILA, Yanni’s first coconut bowl was born.

“Because of our non-stop active lifestyle, together with my buddies we have been travelling a lot through non ordinary paths in order to get to the best tropical kitesurfing spots worldwide. This is how I noticed tonnes of coconut shells that are discarded as waste when they could become a very useful by-product of coconut flesh and oil.”


Yanni started thinking about how much our planet could benefit by moving away from unsustainable products. Especially single use products.


Enters Carlo. An Italian. A childhood friend. A nature-loving and wildlife enthusiast. 

A passion for the natural world lead into healthy eating and soon Carlo noticed how constant our society’s waste problem is. Especially in the food industry.


“I am in-love with Mother Nature and I can no longer accept to watch this mess and remain helpless. Small actions can lead to big changes for all of us, and for those who will come in the future.”


Coconut shells are very resistant, they’re waterproof and last many years. Are you starting to see the connections?
That’s how experiences and thoughts joined and our mission of saving coconuts’ lives started.